Colibrì: Comitato Libertà & Rispetto | La Cassazione conferma il decesso a causa delle vaccinazioni di un ventenne militare salentino dopo 19 anni, ma il Ministero della Salute non corrisponde l’indennizzo ai genitori
2610
post-template-default,single,single-post,postid-2610,single-format-standard,mikado-core-2.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-2.0.4,vertical_menu_enabled, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

29 Nov La Cassazione conferma il decesso a causa delle vaccinazioni di un ventenne militare salentino dopo 19 anni, ma il Ministero della Salute non corrisponde l’indennizzo ai genitori

Il 25 novembre è stata pubblicata la sentenza della Cassazione n.26842 sul caso di un ventenne militare di Gallipoli, deceduto nel settembre del 2001 a causa di una leucemia mieloide acuta insorta in un brevissimo lasso di tempo da nove somministrazioni vaccinali con alte dosi di mercurio e alluminio.

La Cassazione conferma in via definitiva la pronuncia della Corte di Appello di Lecce sull’individuazione della causa vaccinale in relazione al decesso del giovane e rigetta le contestazioni sul punto del Ministero della Salute.

Viene invece accolto un ulteriore motivo in base al quale il Ministero della Salute, nonostante l’accertato decesso a causa delle vaccinazioni, nega la corresponsione dell’indennizzo ai genitori del militare.

La legge n.210/92 che riconosce un indennizzo in caso di danni da vaccinazione prevede, all’articolo 2 comma 3, in caso di decesso determinato dalle vaccinazioni o da gravi patologie di origine vaccinale un assegno da erogare ai soggetti a carico, nel seguente ordine: coniuge, figli minori, figli maggiorenni inabili al lavoro, genitori, fratelli minori, fratelli maggiorenni inabili al lavoro.

Nel caso specifico, secondo il Ministero della Salute, non è stata dimostrato, malgrado la convivenza con il giovane, il requisito della “vivenza a carico” da parte dei genitori, necessario per ottenere l’indennizzo.

La Corte di Cassazione ha accolto questa istanza del ricorso ministeriale e ha rinviato, esclusivamente per questo motivo, alla Corte di Appello di Lecce.

Di seguito sentenza integrale Cassazione Sez. L Sentenza n.26842 del 25.11.2020