Colibrì: Comitato Libertà & Rispetto | Muore una bambina a causa di vaccinazione nel 2007, ma il Ministero la confonde con un caso di epatite da trasfusione
2330
post-template-default,single,single-post,postid-2330,single-format-gallery,mikado-core-2.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-2.0.4,vertical_menu_enabled, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

27 Mar Muore una bambina a causa di vaccinazione nel 2007, ma il Ministero la confonde con un caso di epatite da trasfusione

A Barletta, dopo le vaccinazioni antipolio, antidifterite, antitetano e antiepatite B, una bambina si ammala gravemente, con diagnosi “sindrome encefalitica con tetraparesi ipotonica-distonica-atassica. Deficit della comunicazione e della relazione ad insorgenza vaccinale”. Alcuni anni più tardi, a causa della grave malattia causata dalle vaccinazioni, la bambina muore.

Come riportato dal “Secolo D’Italia” del 28 giugno 2014 (pagina 6) , i genitori ottengono la condanna del Ministero della Salute in primo grado a Trani e in Corte di Appello a Bari, con il rigetto del ricorso dell’Avvocatura dello Stato, definito “non pertinente”, che confonde il caso con un altro cittadino affetto da epatite post-trasfusione.

Dopo aver vinto due gradi di giudizio, l’avvocato dei genitori della giovane deceduta a causa delle vaccinazioni, dato il mancato pagamento dell’indennizzo, denuncia nel 2014 il Ministro della Salute e alcuni dirigenti ministeriali per il reato di omissione di atti d’ufficio.

 

https://www.secoloditalia.it/files/2014/06/secolo-28-giugno-2014.pdf