Colibrì: Comitato Libertà & Rispetto | 28 febbraio 2019, il fallimento del Resvax, definito “il vaccino più venduto della storia”
2299
post-template-default,single,single-post,postid-2299,single-format-gallery,mikado-core-2.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-2.0.4,vertical_menu_enabled, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

28 Feb 28 febbraio 2019, il fallimento del Resvax, definito “il vaccino più venduto della storia”

Nel 2015, Stanley C. Erck, Presidente e CEO della biotech americana Novavax Inc., società specializzata in vaccini, disse che il loro vaccino ResVax,  RSV- Virus Respiratorio Sinciziale, sarebbe diventato “il vaccino più venduto della storia dei vaccini”.

La pipeline della società, che riporta sul sito lo slogan “Creating Tomorrow’s Vaccines Today” (“Creando Oggi i Vaccini di Domani”), punta moltissimo sul vaccino ResVax, con ben tre studi in essere:

il primo studio è sulla somministrazione del vaccino durante la gravidanza, il secondo sugli adulti ultrasessantenni e il terzo sui bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni.

Il primo studio è per Novavax di importanza fondamentale e sempre nel 2015 ottiene, a supporto, un finanziamento di 89,1 milioni di dollari dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Oggi, 28 febbraio 2019, Novavax rende noti i risultati di fase 3 di questo studio effettuato su 4600 donne in attesa.

Si rivelano fallimentari e il titolo della società, quotato al Nasdaq, perde immediatamente oltre due terzi del proprio valore.

https://www.fiercebiotech.com/biotech/novavax-plummets-after-another-phase-3-rsv-study-failure-time-infants