Colibrì: Comitato Libertà & Rispetto | Una recente Tesi di Laurea sui reparti a rischio dell’ospedale Di Venere di Bari evidenzia che solo il 10% degli operatori sanitari si vaccina
2212
post-template-default,single,single-post,postid-2212,single-format-gallery,mikado-core-2.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-2.0.4,vertical_menu_enabled, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

24 Gen Una recente Tesi di Laurea sui reparti a rischio dell’ospedale Di Venere di Bari evidenzia che solo il 10% degli operatori sanitari si vaccina

Nella recente Tesi del Corso di Laurea in Infermieristica “Studio sulla prevenzione e sull’adesione al vaccino antinfluenzale da parte del personale sanitario dei reparti a rischio di contagio dell’ospedale Di Venere” (Relatore Dott.ssa Maria Altamura, Correlatore Dott.ssa Adriana Ferrannini, Università degli Studi di Bari) sono stati pubblicati i risultati del questionario somministrato dall’8 al 16 febbraio 2017 a 304 operatori sanitari dei reparti a rischio contagio dell’ospedale Di Venere di Bari tra 67 medici, 161 infermieri e 221 studenti, laureandi o neolaureati del polo formativo dell’ospedale Di Venere.
Dai risultati degli studi emergono “una bassissima adesione alla vaccinazione antinfluenzale” e “dubbi sull’efficacia e la sicurezza delle vaccinazioni in generale”.
Solo il 10% degli operatori sanitari si vaccina ogni anno, mentre 105 operatori sanitari intervistati non hanno mai aderito alla vaccinazione antinfluenzale, il 13% non ritiene efficace la vaccinazione, il 6% teme possibili reazioni avverse e un ulteriore 5% si definisce contrario alle vaccinazioni.
Inoltre, gli operatori sanitari dei reparti a rischio contagio sottoposti a vaccinazione riferiscono che si sono verificate dieci reazioni avverse al vaccino.

TESI DI LAUREA – ADESIONE AL VACCINO ANTINFLUENZALE DA PARTE DEL PERSONALE SANITARIO OSPEDALE DI VENERE – BARI