Colibrì: Comitato Libertà & Rispetto | 28 febbraio 2019, il fallimento del Resvax, definito “il vaccino più venduto della storia”
2299
post-template-default,single,single-post,postid-2299,single-format-gallery,mkd-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

28 Feb 28 febbraio 2019, il fallimento del Resvax, definito “il vaccino più venduto della storia”

Nel 2015, Stanley C. Erck, Presidente e CEO della biotech americana Novavax Inc., società specializzata in vaccini, disse che il loro vaccino ResVax,  RSV- Virus Respiratorio Sinciziale, sarebbe diventato “il vaccino più venduto della storia dei vaccini”.

La linea di prodotti (“pipeline”) della società, che riporta sul sito lo slogan “Creating Tomorrow’s Vaccines Today” (“Creando Oggi i Vaccini di Domani”), punta moltissimo sul vaccino ResVax, con ben tre studi in essere:

il primo studio è sulla somministrazione del vaccino durante la gravidanza, il secondo sugli adulti ultrasessantenni e il terzo sui bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni.

Il primo studio è per Novavax di importanza fondamentale e sempre nel 2015 ottiene, a supporto, un finanziamento di 89,1 milioni di dollari dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Oggi, 28 febbraio 2019, Novavax rende noti i risultati di fase 3 di questo studio effettuato su 4600 donne in attesa.

Si rivelano fallimentari e il titolo della società, quotato al Nasdaq, perde immediatamente oltre due terzi del proprio valore.

https://www.fiercebiotech.com/biotech/novavax-plummets-after-another-phase-3-rsv-study-failure-time-infants